PEELING MEDICO Cos’è? A cosa serve? Come avviene? 

COS’È IL PEELING MEDICO?

Il Peeling medico è una procedura che va a esfoliare la pelle, a illuminarla e a favorire quindi un ricambio cellulare che diversamente non si ottiene.

A COSA SERVE? IN QUALI CASI È OPPORTUNO AVVALERSI DEL TRATTAMENTO PEELING MEDICO?

Il peeling è un trattamento che si fa in presenza di diverse problematiche, quindi ha tante funzioni ed è per questo che bisogna saper modulare opportunamente le sue componenti.  

In particolare si usa per trattare:

Micro macchie

Micro rughe date da un fenomeno di disidratazione 

Ma anche per migliorare la luminosità del viso e in caso di chiusura dei pori della pelle.

COME AVVIENE?

La prima cosa che si va a fare è un’opportuna detersione, utilizzando un detergente solitamente a base di alfa idrossiacidi che lavorano sui vari strati dell’epidermide e del derma.

Poi stendiamo un’emulsione pre peeling sul viso che serve per uniformare il ph della pelle e di cui dopo qualche minuto andremo a rimuovere l’eccesso con una spugnetta. 

Successivamente, senza rimuovere il prodotto precedente, applichiamo un altro prodotto a base di alfa idrossiacidi, avendo cura prima di creare un cocktail di diverse sostanze opportunamente miscelate in funzione del tipo di pelle e della problematica da trattare.

Attenzione: quando si dice che si applica un acido sulla pelle, questo genera una serie di timori, perché è la parola che li richiama, ma realtà il paziente sente solo un lieve pizzicore, che dopo qualche minuto scompare.  

Possiamo anche aumentare la profondità del peeling ripetendo le fasi più volte.

Durante la prima seduta si tende però a fare ogni passaggio una sola volta.

Tuttavia è bene ricordare fin da subito che il peeling non invecchia la pelle, non la consuma, anzi. Il peeling è semplicemente un acceleratore del normale ciclo di ricambio cellulare.

Dopo l’applicazione il volto viene ben tamponato e asciugato e si può procedere anche all’applicazione di una maschera specifica a base di aloe 20% e zinco 30%, sfruttando il fatto che con il peeling si sono aperte e sono diventate ricettive anche le cellule che normalmente non vengono coinvolte con delle semplici creme, proprio perché non riescono ad arrivare in profondità.

La sera poi, a casa, si procederà di nuovo con l’applicazione di una maschera da tenere in posa 30 minuti e poi, nei giorni successivi, di altre due maschere a base di vitamine e minerali in concentrazioni molto elevate. 

Bisogna fare molta attenzione alle creme che si usano al domicilio nel post peeling, dal primo all’ottavo giorno in particolare, perché spesso contengono paraffine, petrolati o anche grosse quantità di vitamine e potrebbero provocare dei fastidi, quindi è meglio non usarle, preferendo una crema lenitiva e idratante perché dal momento in cui si fa e per diversi giorni il peeling continua a lavorare, addirittura con un po’ di esfoliazione quando desideriamo stimolare maggiormente la rigenerazione. 

Nei giorni successivi infatti si metteranno in atto una serie di modificazioni sui vari strati della pelle, che fanno sì che la pelle si rigeneri, sia più capace di produrre le sostanze che servono alla cellula per ringiovanire e sia più capace di pulirsi, andando a eliminare le cellule morte.  

Nei primi due o tre giorni non succede niente, la pelle è visivamente normale. Nei giorni successivi invece potrebbe iniziare appunto una esfoliazione (prima ai lati della bocca e del naso e nella fronte, ovvero nelle zone in cui c’è maggior presenza di ghiandole sebacee, poi nel resto del volto) che però, ovvio, non sarà un “ricambio da lucertola” :-)

Dall’ottavo giorno dobbiamo usare creme un po’più specifiche, poi potremo ripetere il peeling che di solito si fa appunto ogni trenta giorni. 

Esistono anche dei peeling che non creano esfoliazione, ma che per esempio hanno effetto biorivitalizzante e quindi richiamano più liquidi e creano più edema, e poi si cono dei peeling che hanno effetto smacchiante.

Oggi le tante tipologie di peeling ci consentono di essere usati durante tutto l’anno, indipendentemente dal clima, addirittura ci sono dei peeling talmente idratanti che consentono perfino durante l’esposizione al sole di mantenere una bella abbronzatura senza disidratazione della pelle, che anzi risulterà più bella. 

COME COMPORTARSI DOPO IL PEELING?

Nei primi giorni non si usa sapone detergente ma si sciacqua il viso solo con acqua, si applicano le maschere come abbiamo detto, la crema idratante e lenitiva dei primi otto giorni, e poi creme più specifiche nei giorni successivi.  

Subito dopo il peeling è importante:

Non fare la doccia con acqua bollente.

Non andare con il volto sopra il vapore che esala dalle pentole al fuoco in cucina.

Non toccare zone in cui dovessero formarsi piccole crosticine (è possibile che accada questo fenomeno temporaneo che si dice “peggioramento terapeutico” nei primi 2-3 giorni dopo il trattamento). 

Dopo 7 giorni è obbligatorio fare il controllo dal medico che ha effettuato il peeling e solitamente si ripete il trattamento ogni 30 giorni fino al risultato. 

Tieni presente che se ti attivi quando inizi a vedere ad esempio le prime macchie, le riesci a cancellare completamente con pochi trattamenti e in modo più stabile e definitivo.

Se invece agisci in ritardo rimane sempre un alone, quindi fatichi di più, spendi di più e il risultato potrebbe non essere completo.

Se non lo fai considera che la macchia si fissa sempre di più nella pelle ed è più difficile “tirarla fuori”. La nostra mente inconscia percepisce la macchia come qualcosa di sporco e minaccioso, quindi gli altri ti potrebbero percepire come persona sporca oppure cattiva e minacciosa e quindi tenerti lontana.

Perciò, se pensi che la tua pelle sia macchiata o ti accorgi che è disidratata, o semplicemente desideri donarle più luce e una seconda giovinezza, il peeling medico è davvero il trattamento che fa per te!

15 ottobre 2019

Trattamento con tossina Botulinica:

Hai detto rughe?? Non temere! Sapevi che puoi intervenire sulle rughe  in modo efficace e indolore? Grazie al mio metodo AIP: antiinvecchiamento Premda, puoi migliorare visibilmente il tuo aspetto in una sola seduta!

Schermata+2019-02-24+alle+14.11.26.jpg

Ho paura! Ma di cosa esattamente? Se hai paura di invecchiare velocemente, allora non puoi aver paura del Botulino! Sapevi infatti che la tossina botulinica è un farmaco che permette di inibire temporaneamente l'azione dei muscoli mimici del volto riducendo la formazione delle rughe di espressione? La mimica facciale resta inalterata, sarai sempre te stesso! Ma le rughe scompariranno in una sola seduta!! 

Schermata 2019-02-24 alle 14.13.42.png

Con le rughe ti riconosci ancora? Senza un aiuto efficace del medico estetico continuerai a vedere un estraneo riflesso nello specchio!

Sapevi che la tossina botulinica è indicata per il trattamento delle rughe sulla fronte e perioculari e delle rughe glabellari?

Puoi iniziare a sottoporti a questo tipo di trattamento dai 27 anni in poi! Eliminerai le prime rughe caratteristiche dei 27/30 anni  e preverrai la comparsa di rughe più profonde tipiche dell’età matura.

Schermata 2019-02-24 alle 14.13.57.png

Gli anni scorsi, d’estate soffrivi di sudorazione forte? Da oggi puoi dimenticare totalmente il problema della sudorazione grazie ad un unico trattamento con la tossina botulinica! Il botulino è infatti impiegato in numerose terapie mediche, per trattare ad esempio il bruxismo. 

Schermata 2019-02-24 alle 14.14.09.png

Metodo AIP

Vuoi conoscere il mio #PremdaTrucco preferito?? Si tratta del metodo combinato AIP: Antiinvecchiamento Premda!

Sono trattamenti medico estetici combinati che impiego per ottenere numerosi risultati diversi!

Schermata 2019-02-24 alle 14.21.21.png

Le macchie scure sul tuo volto non scompariranno  da sole così per magia! E’ necessario un metodo combinato di trattamenti medico estetici, il metodo AIP è composto da:

-      Biorivitalizzazione

-       Peeling Chimico

-      Radiofrequenza

Come puoi vedere dalla foto, la mia paziente ha risolto il problema delle macchie scure, restituendo nuova vita e luminosità al suo volto!

Schermata 2019-02-24 alle 14.22.35.png

Vuoi restituire nuova vita alla tua pelle? Lo sapevi che il metodo AIP è il miglior strumento ad oggi disponibile per raggiungere questo risultato? La biorivitalizzazione restituisce nutrienti e componenti fondamentali alla pelle; il peeling chimico pulisce il profondità creando un’esfoliazione che favorisce il rinnovamento cellulare; la radiofrequenza leviga, elimina le piccole rughe e favorisce la formazione di nuovo collagene!!


Cellulite: 5 rimedi last minute per combatterla!

 Dopo molto maltempo è arrivata la bella stagione. Un vero sollievo! Abbiamo voglia di scoprirci ma per alcune di noi può anche essere un momento di disagio e di imbarazzo.

Perciò oggi voglio portarti a conoscenza di alcune strategie medicali che potranno decisamente cambiare la direzione della tua estate.

Sì, immagino che tu lo sappia già, la cellulite si aggredisce durante l’inverno perchè necessita di qualche mese di cure e attenzione ai fini della sua eliminazione!
Tuttavia, meglio partire in ritardo ma arrivare a destinazione, piuttosto che non partire affatto! Sei d’accordo?

Non ti faccio attendere oltre e inizio subito a elencarti e a spiegarti in modo rapido e semplice le terapie più accreditate negli studi medici.

Cellulite: 5 rimedi last minute per combatterla!

Gli accendini dell’esordio ed il progredire della cellulite sono alcuni stressors a livello del connettivo, che è il vero sistema di regolazione di base. Esso si “sporca” per le tossine esogene ed endogene di varia natura. Queste iniziano un processo di infiammazione, che poi evolve in fase di deposito, infine si passa ad una fase di impregnazione.

La cura vera della cellulite pertanto prevede una serie di strategie mirate, se pensiamo di riuscire con una sola tecnica, falliremo miseramente.

Immaginiamo le cinque soluzioni come le dita di una mano.

Il pollice è assegnato alla educazione alimentare.

Non basta una alimentazione equilibrata, dove mangerai di tutto un pò. Questa educazione deve prevedere pasti a basso indice glicemico, composti in modo tale da drenare gli organi emuntori e attivare il metabolismo degli stessi. Infine dobbiamo riuscire ad eliminare l’eccesso di acqua.

Assegno all’indice la seconda terapia, si chiama: Radiofrequenza medicale.

Prevede l’applicazione ai tessuti di una certa quantità di energia cui consegue un aumento della temperatura sulla pelle. Questa si propaga fino al derma ed al tessuto adiposo sottostante (se l’apparecchiatura è abbastanza potente) penetrando quindi sino a 1 cm di profondità. Questo aumento di temperatura è funzionale alla efficacia del trattamento, non credere sia come il raggio di sole che tutti noi prendiamo al mare!

Ma perchè ci aiuta a eliminare la cellulite?

Attraverso la intensa produzione di nuovo collagene nel derma, la riduzione dello spessore del tessuto adiposo, il drenaggio dei liquidi, l’aumentato spessore del derma, tu vedrai la pelle cambiare completamente, modificarsi e diventare liscia, senza ombreggiature, la buccia d’arancio si attenuerà fino a comparire del tutto!.

Non ha effetti collaterali e la puoi effettuare anche durante tutto il periodo estivo!.

Passiamo adesso alla terza terapia: si chiama ultradermoterapia e prevede l’iniezione biomesoterapica di farmaci omotossicologici.

Cosa sono? Sostanze di derivazione naturale (però classificate come farmaci), che scelti ad hoc e predisposti in un cocktail, saranno somministrati con iniziazioni in punti specifici, tra cui anche quelli relativi ad alcuni meridiani energetici. Il trattamento è indolore e può essere eseguito anche in estate, con grande sensazione di sollievo alle gambe e alla circolazione linfatica, venosa e riduzioni degli edemi. I lividi sono pressochè inesistenti.

Il concetto cruciale da capire è che se non puliamo il corpo internamente, l’infiammazione e tutti i fenomeni di deposito non guariranno definitivamente.

Ti domanderai quale sia il posto dell’anulare!

Accennerò solamente alle varie tecniche di massaggio. Ne esistono di molto valide, devono essere effettuate in modo professionale e personalizzato non di meno l’operatore deve preoccuparsi di aprire tutti i punti di sblocco fondamentali. In trenta minuti di massaggio, non sarà sempre possibile eseguire un buon lavoro, anche se la tecnica e il personale sono di valore.

Non dobbiamo mai dimenticare il peeling medico. Anche in questo caso è un potente amplificatore di risultato.

Infatti tutte le donne vogliono avere la pelle più liscia, lucente e bella al tatto. Naturalmente devono essere scelte le sostanze più adeguate, non mi riferisco al classico peeling all’acido glicolico!

Cellulite: cosa possiamo fare, da sole, a casa?

Sicuramente possiamo completare l’azione drenante e detossificante assumendo per bocca farmaci drenanti consigliati dal medico, evitando l’errore di drenare a caso un organo senza una precisa strategia d’azione.

IN QUESTO CASO IL FAI DA TE CREA INGORGHI TOSSINICI, CHE SCONSIGLIO VIVAMENTE!

Sicuramente è molto valido sviluppare l’abitudine a usare guanti in crine di cavallo, specifici che aiutano a stimolare la circolazione, e che useremo sotto la doccia.

Perchè funziona? Merito dell’effetto drenante capace di stimolare la circolazione dei microcapillari e di rimuovere le impurità della pelle, che ne alterano il tatto.

Hai già sentito parlare delle spazzole anti cellulite?

Le più diffuse sono quelle in setole naturali che vengono utilizzate anche nel percorso Kneipp, queste grazie alla loro frizione riattivano la circolazione. Sono molto utilizzate anche le spazzole in legno, che insieme ad oli essenziali e scrub agiscono su diversi aspetti dell’inestetismo.

Ma non puoi dimenticare le creme più adatte a combattere questo problema!
Attenta a non confondere tuttavia l’effetto di una crema con quello di un trattamento medico, perchè sono due risposte completamente diverse.

Naturalmente oggi la prima domanda che ti dovresti porre a questo proposito è se l’INCI della crema sia corretto e “buono”. Dovrebbero essere assenti infatti parabeni, petrolati, siliconi e simili, inoltre il prodotto dovrebbe avere certificazioni provenienti da enti seri.

Ascolta attentamente ciò che ti sto per svelare, usando le crema costantemente puoi pretendere da esse solo ciò che ti possono dare.

Per essere valida, dovrebbe esercitare sulla pelle e sulla cellulite almeno queste azioni: effetto lipolitico, drenante, stimolante il microcircolo, riattivazione del ristagno linfatico.

Quali sono alcuni ingredienti da ricercare quindi? Ne elenco alcuni a titolo di esempio.

Iodio organico (attenzione a chi ha problemi di Tiroide), estratto di Fucus, Xantine vegetali come quelle presenti nel Thè e Guaranà. Ad esempio la Spirea Ulmaria e l’ananas che favoriscono un’azione drenante spiccata e rapida sui tessuti sottostanti al derma.

Avresti mai pensato che l’edera attivi la permeabilità capillare?

L’acido Asiatico di cui è ricca la Centella migliora il meccanismo del flusso capillare ed infine l’Ippocastano con le sue grandi quantità di saponine facilita il drenaggio linfatico.

Infine voglio ricordare che la Bromelina estratta dall’ananas, insieme agli estratti di Salice e di Ulmaria tendono ad eliminare la sensazione di disagio provocata dagli accumuli adiposi, specialmente in casi di lipodistrofia localizzata, che spesso accompagna la cellulite nelle fasi più avanzate.

Per oggi è tutto, mi auguro quindi che anche tu ti decida e ti attivi subito per mettere in atto le prime azioni dirette a cancellare per sempre la cellulite e poter accorciare quella gonna che magari hai tanto desiderato indossare!

19 giugno2019


[PELI STOP] Eliminare definitivamente i Peli superflui?

Facile e indolore!

Desideri avere una pelle liscia, sempre in ordine e eliminare i peli in modo permanente?

Vuoi provare quella straordinaria sensazione di libertà che ti dona la possibilità di indossare qualunque tipo di indumento in ogni momento, senza avere il disagio di dover pensare e di chiederti se sei a posto, senza rinunciare ad appuntamenti dell’ultimo minuto perché magari non ti sei depilata, o depilato, e ovviamente senza rischiare di darti “la rasoiata” al volo che può lasciare graffi o zone arrossate?

Forse starai pensando che questo sia difficile e che lo sia ancor di più trovare il professionista giusto, che sappia capire il tuo caso e quale sia la metodologia più adatta per risolvere in modo definitivo questo tipo di inestetismo.

Probabilmente ne avrai sentite di tutti i colori e magari non hai ancora trovato la strada giusta per te. Allora leggi fino in fondo perché scoprirai che oggi eliminare il fastidioso problema dei peli superflui è facile e completamente senza dolore!

Le vecchie tecnologie di trattamento andavano a eliminare il pelo bruciandolo. Cosa significa questo?

Immagina che il pelo sia una piantina all’interno di un bosco e che una notte, durante un temporale, un fulmine colpisca la pianta e la bruci, lasciando un’area di terra intorno alla pianta completamente bruciata.

La stessa cosa accade con il laser che brucia il pelo e con tutte le vecchie generazioni di macchinari.

Invece adesso ti parlo dei vantaggi dell’epilazione permanente con la nuova tecnologia IPL.

Il vantaggio della nuova tecnologia Sharplight è che non va a bruciare il pelo come se fosse un fulmine durante un temporale, ma immagina, sempre nell’esempio della pianta, di avere un cambiamento climatico graduale invece che brusco e immediato dell’habitat in cui la pianta vive e dunque, allo stesso modo, in cui vive il tuo pelo.

Quindi è come se in quell’area della foresta il clima, da mediterraneo, progressivamente diventasse un clima desertico, in cui la pianta non è più in grado di sopravvivere.

Lo stesso accade quando andiamo a modificare gradualmente l’habitat in cui vive il pelo.

Questa sorta di “morte lenta” dà di fatto una serie di vantaggi importanti:

  1. Puoi trattare la pelle sia in inverno che in estate senza nessuna problematica

  2. Puoi eseguire i trattamenti anche sulla pelle abbronzata

  3. Non arrivi mai ad avere l’area trattata in necrosi della pelle, come invece avviene con l’utilizzo delle vecchie tecnologie che, talvolta, in alcuni casi esitano in cicatrici post trattamento

  4. Subito dopo il trattamento puoi tornare alle tue attività (intimità, sport, costume, ecc.) cosa che non sempre ti è possibile fare con le vecchie tecnologie

  5. Il trattamento è completamente indolore perché il manipolo usato è dotato di un sistema di raffreddamento, per cui la sensazione sulla pelle, contrariamente a ciò che si potrebbe pensare, è di piacevole freschezza.  

Quante sedute occorrono? Da 6 a 12 sedute. Il numero può variare in funzione di fattori come:

  1. il fototipo, ovvero l’aspetto della persona che risulta dall’incrocio di dati come il colore dei capelli, il colore degli occhi e il tipo di pelle

  2. le caratteristiche genetiche del pelo

  3. la crescita del pelo, normale o anomala. Anomala significa legata a sbalzi ormonali transitori o cronici e a sbalzi glicemici secondari a errori nutrizionali, che esitano in situazioni di crescita abnorme in zone nelle quali normalmente non dovrebbero crescere peli come nel caso dell’irsutismo, o in situazioni di crescita anomala in zone del corpo in cui normalmente si trovano peli, come nel caso dell’ipertricosi;

  4. il tuo desiderio di rendere più o meno permanente il risultato: statisticamente le 12 sedute danno il risultato più a lungo termine. Quando non vediamo più il pelo in superficie, dopo poche sedute, ciò non significa che il pelo sia debellato, perché per il ciclo di crescita del pelo percentualmente solo 1/4 del pelo è esposto e gli altri 3/4 rimangono sotto la pelle e sono non responsivi al trattamento. Da subito inizi a notare di avere molti meno peli, più deboli, più chiari, ma da lì ad avere la pelle completamente glabra sono due step differenti. 

Ogni seduta dura dai 10 minuti (viso, ascelle, inguine) ai 60 minuti (schiena, petto o addome, gamba o coscia). 

Ogni quanto tempo occorre fare una seduta? La risposta a questa domanda si ha monitorando il ciclo di ricrescita del pelo, quindi tendenzialmente si propone una seduta al mese, perché l’obiettivo è quello di trattare percentualmente il numero maggiore di peli presenti in quel momento, perché ad esempio se io tratto il pelo oggi, in un determinato momento della fase di crescita del pelo, ne tratto solo una parte, solo quello che è già in superficie, mentre in percentuale ho la maggior parte del pelo sotto pelle che quindi non è responsivo al trattamento finché non esce fuori. Ad ogni modo il ciclo di crescita del pelo è di circa 28-31 giorni, quindi ecco perché solitamente si consiglia una seduta al mese. 

Infine scommetto che ti starai chiedendo: quanto costa?Esistono tanti tipi di tecnologie e di trattamenti di varia efficacia e ovviamente di varia fascia di prezzo. La domanda da porsi è piuttosto: come fare a discernere tra un trattamento da 50 euro e uno da 200 euro? Il prezzo dipende dalla zona trattata, dalla tecnologia utilizzata e dal professionista scelto.

Intanto, indubbiamente, bisogna sempre assicurarsi che la tecnologia utilizzata sia una tecnologia medica, perché i risultati scientificamente provati sono per apparecchiature medicali, non per apparecchiature di altro tipo, quindi se la tecnologia è di tipo medico si ha anche una garanzia di risultato terapeutico, che diversamente non c’è.

Inoltre occorre che il paziente esprima chiaramente qual è il suo risultato desiderato: un indebolimento del pelo? O un risultato duraturo negli anni? Ti basta non vedere più peli e tornare quando ricompariranno, oppure vuoi avere la certezza che per diversi anni i peli non torneranno?

Sono due risultati diversi e chiaramente l’investimento per ottenerli è differente.

 Bene, se ti è venuta voglia di saperne di più sul tuo caso specifico, contattami per una consulenza gratuita e nel frattempo guarda nella “galleria foto e video” i risultati di chi si è già sottoposto a questo straordinario trattamento!

30 settembre 2019


Studi Medici Ama: Dott.ssa Lucia CostucciVedi profilo